venerdì 25 luglio 2014

Repliche di gioielli: si o no?









In questi giorni di vacanza  nel Var,
 mi é capitato di vedere diverse vetrine proporre repliche di gioielli delle grandi maison internazionali, come Bulgari, Cartier, Tiffany, Van Cleef &Arpels e altri ancora. 

Questi gioielli, sono realizzati in zirconi o pietre di colore sintetiche, montati su oro o argento e non  hanno una personalità propria, sono identiche copie dei grandi nomi, tanto che a volte risulta difficile rendersene conto da lontano.

Molti facoltosi acquistano copie di gioielli identici, che custodiscono nelle cassette di sicurezza, sfoggiando ai gala e ai party le stesse copie acquistate nei vari Burma etc etc.. e quanti ne vendono! 
A partire da modiche cifre di 400 euro fino ad arrivare a migliaia e migliaia di euro per dei pezzi di vetro su oro.

Sulla mia pagina facebook 
ho posto  come quesito se voi portereste volentieri una replica di un gioiello di una grande marchio della gioielleria, quesito che ha destato non poco scalpore, io vi esprimo il mio pensiero, dal momento che questo è il mio diario virtuale e dal momento che sono una blogger indipendente e libera, senza contratto con agenzie e senza obbligo di compiacere qualcuno.

Non ho nulla in contrario a gioielli vistosi e chiaramente falsi, nulla in contrario a bei gioielli di buona realizzazione che montano pietre sintetiche, ma quando il messaggio é : "Spero che tutti pensino che é vero  perchè identico all'originale" allora sono decisamente contraria, contraria perchè sono piu' per l'essere che per l'apparire, e perchè io sono solita acquistare per me stessa, non amo il " Vorrei ma non posso " io sola devo essere consapevole del valore di cio' che indosso.. il gioiello non deve essere l'espressione di uno status reale o cui si ambirebbe.

Un po' come acquistare una replica di una Birkin o Kelly di Hermès, io saprei che non é originale e allora molto meglio una borsa ben fatta acquistata al mercato( e credetemi, ho visto cucire a mano  una kelly di Hermès anni fa  presso il negozio Hermès dei coniugi Chiussi, e vi garantisco che é un'esperienza unica, figuriamoci a possederla).

Naturalmente questo é il mio modestissimo pensiero, e naturalmente rispetto il pensiero di tutti..apprezzo il confronto civile e rispettoso di ciascuno.

Fortunatamente l'Italia é un paese nel quale ancora si puo' esprimere la propria opinione..
 e il mio blog é l'espressione del mio pensiero, del mio gusto personale, della mia ( modesta) conoscenza per i gioielli, di cio' che piu' mi appassiona, della pubblicazione di migliaia di cordini, a mio rischio e pericolo, pur sapendo che molti li apprezzano e tanti altri rideranno per questa mia ossessione, ma sul mio blog troverete solo cio' che appassiona una pazzaperibijoux e nessuno potrà mai impormi di pubblicare cose che ritengo orrende ( si posso dire orrende?, grazie).

E voi ...li portereste volentieri?



testo e contenuti
Maria Elena Capelli
Tuttepazzeperibijoux
©copyright 2014
photocredits Maria Elena Capelli











venerdì 18 luglio 2014

Holiday

                                                          Tuttepazzeperibijoux
vi augura buone vacanze ovunque siate o andiate, e a chi rimane in città alla scoperta di nuovi angoli segreti.
Fino a settembre su tuttepazzeperibijoux i nuovi trend dalle spiagge più cool.
Il tour inizia da Saint Tropez, alla scoperta di nuovi indirizzi e qualche nuovo posticino.
Qualcuno ha chiuso, qualcun altro ha aperto, Sara Beltran di Dezso ha aperto il suo angolo mexican  stile sur la Plage des Graniers, il nuovo posto dove essere e dove essere visti a St. trop.
Lo stile unico ed inconfondibile della designer Sara Beltran, creatrice talentuosa di gioielli, vincitrice del premio prestigioso Ecco Domani a New York, pop up store del brand sulla spiaggia.
Stay tuned nei prossimi giorni tutte le foto.

mercoledì 2 luglio 2014

Le 5 cose che non deve mai fare una pazzaperibijoux


LE 5 COSE CHE NON DEVE MAI FARE UNA PAZZAPERIBIJOUX


1. Evitare di indossare un anello per ciascun dito .
Ma non erano così' fashion portati  tanti e sottili? Appunto erano.

  E' tollerata la fede portata  insieme all'anello di fidanzamento od un altro anello prezioso, si può' aggiungere  davanti ad esso  una veretta di brillanti, alternativa più' chic del comune ferma anello.
Mai indossare contemporaneamente anelli  all'anulare e al dito medio.
Evitiamo l'effetto signora Roper della serie tv cult degli anni '80  "Tre cuori in affitto"e soprattutto non mischiamo, plastica a pietre, oro argento e cordini!



2.  Evitare di acquistare imitazioni o copie delle grandi maison...se non vi potete  permettere un Lucida di Tiffany, pazienza...opterete per una bella pietra più piccola e ben montata, se non vi  potete  permettere il jonc di Cartier, pazienza, opterete per un jonc personalizzato o con una bella incisione, mai incorrere nell'errore VORREI MA NON POSSO, l'imitazione acquistata  sarà' sempre una copia senza personalità che non dirà nulla di sé... ma  tanto di voi.

budget intorno ai 90 euro, se non possiamo permetterci un Cartier meglio non incorrere in imitazioni


3.  Evitare di  indossare gioielli importanti solo nelle grandi occasionii gioielli importanti si portano  tutti i giorni,( eccezioni per parure di diamanti da 4 carati in poi)  anche per andare a fare la spesa al supermercato, non lasciateli ammuffire in banca!





4.  Mai indossare collane troppo grandi o statement necklaces se avete  un  collo taurino..
l'effetto é davvero devastante, un po' di dignità, suvvia !


5.   Evitare di credere : "più' il  gioiello é grande e più' siete  belle  ricche e famose".
Si consiglia di preferire una bella pietra  di colore dall'ottimo taglio e purezza  a  un diamante di scarsa qualità ( per intenderci dalla h in avanti e con inclusioni a occhio nudo, sono assolutamente  da evitare).

Qui potete vedere un vecchio post ma sempre molto attuale sulla guida all'acquisto di un diamante





testo e contenuti 
Maria Elena capelli
Tuttepazzeperibijoux
©copyright 2014