venerdì 18 maggio 2018

Magie Jewels

Fenomeno dopo fenomeno, trend dopo trend Magie Jewels ha  presentato  la sua ultima collezione  primavera estate a Homi  gennaio 2018 area Tuttepazzeperibijoux officina di ricerca del gioiello narrativo.

Prosegue la saga della stone philosophy, quella che ha permesso alla designer milanese con sangue siciliano nelle vene, di esprimere al massimo il suo talento.

Magda Salafia, dopo un passato nel mondo dei ricami d'alta moda, decide di dar voce alla sua passione per le pietre, nasce così Magie Jewels.

Dopo il fenomeno Marie, con pietra su filo in seta top secret e i bracciali Inès con la preziosa tormalina, arrivano i trilogy, divertenti bracciali su filo tecno colorato, stavolta sono  tre le tormaline preziose a replicare il successo dei cugini Inès.

Lèon, il lucky   bracelet da annodare al polso e da non togliere fino a desiderio avverato, e lei , la meravigliosa stella di David in opale di sintesi, creato e tagliato  appositamente per Magie Jewels.
Un gioco di riflessi e luci che incanta e cattura gli sguardi.



mercoledì 16 maggio 2018

Valè Jewels

In quattro lettere  è racchiuso il sogno di una giovane donna, nel cuore accentato del logo Valè è racchiusa tutta la passione che Valeria Pellati  ha messo nel suo progetto,  la summa dell'amore per il suo lavoro e per il gioiello, strade che si intersecano 15 anni fa.


E' all'inizio del nuovo millennio  che Valeria  giovanissima apre la sua prima gioielleria e dopo qualche anno la seconda,  certa di aver trovato la sua strada.






















Iniziano gli anni di esperienza, di ricerca e di conoscenza, dell' esigenza di offrire sempre il meglio ai suoi clienti, perché abituata a scegliere il meglio per sé stessa.

Una passione maturata per il  gioiello artigianale e per la  ricerca della  proposta più adatta per la  sua clientela fidelizzata negli anni, seminando giorno dopo giorno con amore, competenza e  tanta tenacia.

Sono anni di duro lavoro e dedizione, anni che gettano le basi per un nuovo capitolo di Valè.

E' tempo di scrivere altre pagine, e a farlo con Valeria arriva   a supporto e in aiuto il fratello orafo, Matteo, che le permette di   coronare il suo sogno  e di fondare il  proprio marchio di minimal jewelry, Valè.



Valeria Pellati sa molto bene quello che vorrebbe proporre  nel suo negozio, ma troppe volte la ricerca l'ha delusa, senza trovare il prodotto che aveva in mente...

Valè è quindi la sua risposta.

Valè Jewels è tutto questo e molto altro.

E' studiare le tendenze, è capire quello che la clientela vorrebbe indossare, è proporre un gioiello minimal curato in ogni minimo dettaglio e particolare.












E' dosare nel giusto modo, tutti questi elementi, è realizzare artigianalmente ogni singolo pezzo nel  laboratorio orafo di Valè  Jewels.

Gioielli adatti ad ogni occasione, lontani dalle proposte fotocopia che imperversano sul mercato  e con una grande personalità, quella di Valeria, che ha le idee molto chiare su quello che la rappresenta e cosa no.

Metalli preziosi, oro 9 carati, argento, diamanti e pietre semi preziose, perle, madreperle e l'occhio attento al particolare che diventa protagonista del gioiello Valè.

Le collezioni in smalto sono piccole miniature realizzate  a mano da smaltatrici esperte, smalto a fuoco o a freddo a seconda del risultato da raggiungere.

In questi mesi di intenso  lavoro ho visto una vera professionista di grande tenacia lavorare duramente, senza mai perdere di vista l'obiettivo e senza mai perdersi d'animo laddove le difficoltà di routine avrebbero potuto demotivare qualche principiante allo sbaraglio, ma non lei, non  Valeria Pellati.


Valè ha debuttato a gennaio di quest'anno nell'area Tuttepazzeperibijoux Officina di ricerca del gioiello narrativo e  ad oggi vanta già prestigiose gioiellerie come  punti vendita in Italia e all'estero come ad esempio la storica gioielleria Leila Bali  di Bergamo.


E ora si lavora alla prossima collezione e ai prossimi impegni, numerosi ed entusiasmanti.


Facebook Valè Jewels
Instagram #Valejewels

tutti i diritti riservati
Tuttepazzeperibijoux
©copyright 2018
photocredits
Valè Jewels




lunedì 14 maggio 2018

PeggyArte New collection

Quando talento, impegno e  passione vanno di pari passo il risultato non può che emergere  ora più che mai  tangibile nell'ultima collezione di PeggyArte Jewels, collezione presentata nel mese di gennaio a Homi  nell'area Tuttepazzeperibijoux Officina di ricerca del gioiello narrativo.

Giunte alla  loro quarta partecipazione, PeggyArte Jewels  ha presentato una nuova collezione che ha confermato il talento e la determinazione del neo brand, la ricerca e l'anticipo tendenza, la tradizione dell'arte antica nella stesura della foglia d'oro a mano e l'innovazione dei materiali contemporanei come la resina, in  netto contrasto con il papier machè antico amore del brand e suo tratto caratteristico, in un momento in cui l'omologazione fa rima con "fatto in serie" PeggyArte Jewels  mette l'accento su artigianalità italiana pura.




sabato 12 maggio 2018

Un po' di Ofelia Beltrame



Erano  i meravigliosi  anni '90 per  Ofelia Beltrame quelli in cui frequentava l'Istituto Marangoni a Milano.
Erano i tempi della Milano da bere, quando lasciava Udine e   approdava nella grigia  Milano per dar voce ad un sogno,  alla passione e al talento.

 Anni di sogni possibili, di entusiasmo,  di adrenalina allo stato puro e con l'animo colmo di gratitudine verso i genitori  per la grande opportunità  regalata, di formazione e crescita.

Quattro anni  totalizzanti, vissuti come fossero quattro giorni, godendo di ogni istante come fosse l'ultimo, ricordando ancora oggi come  ieri, colori, emozioni, sensazioni, persino gli odori dei Pantone, -  mi racconta Ofelia  divertita.



lunedì 7 maggio 2018

Dariapunto

Sei anni fa nasceva questo mio diario virtuale e proprio sei anni fa vi parlai della mia passione  per i  gioielli a uncinetto, negli anni diventati un vero fenomeno.


E poi, tre anni fa  è arrivata lei, Dariapunto, colei che mi ha fatto tornare la voglia di indossare bijoux  ad uncinetto, quando vidi il primo filo di Dariapunto  fu  amore a prima vista.

Come era possibile?  Io sostenevo ed ero fermamente convinta del fatto che le proposte sul mercato fossero  tutte uguali, senza personalità e invece  Dariapunto mi ha fatto capitolare.





l'idea in più per la festa della Mamma: i bracciali mamma e figlia

mercoledì 2 maggio 2018

COUP DE COEUR: Silvia Furmanovich

Come posso essermi dimenticata di parlarvi di Silvia Furmanovich?

Ogni pazzaperibijoux  degna di tale nome, non solo dovrebbe conoscere questa talentosa designer, ma possederne almeno un pezzo nel proprio porte bijoux.

Oggi voglio dedicare questo mio coup de coeur alla serie di orecchini della designer, vere e proprie miniature.

 Pietre preziose e semipreziose, oro, avorio, corallo, turchesi e legno.


mercoledì 18 aprile 2018

Coup de coeur a Première Classe: Little Ones








Salon Première Classe
Marzo 2017.

Little Ones è stato uno dei miei ultimi coups de coeur,   il marchio  francese esponeva nello stand dello   show room di Nathalie Lacroix, esperta conoscitrice di gioielli che io conoscevo già perché mia seguace su Instagram, ovviamente ricambiata perché interessante profilo e molte amicizie in comune nel campo  jewelry designer.

Little Ones, un brand nato nel 2015 con l'intenzione di celebrare gli affetti, la famiglia e i figli..
 in modo da portare il nostro bene più prezioso sempre con noi, e quale modo migliore per farlo per ben rappresentarli in oro e diamanti?


Da pazzaperibracciali non ho potuto esimermi dal provarne uno con i diamanti baguette.. per un attimo ho pensato al “purtroppo o per fortuna”  del no vendita  immediata au Salon.

Diamanti dal taglio baguette ( e non solo)  a formare simpatici bimbetti e bimbette declinati in bracciali, collanine o orecchini in oro 18 carati;  a ognuno il suo.



Tutti i diritti riservati
Tuttepazzeperibijoux 
Copyright 2018
Photocredits Little Ones 

domenica 8 aprile 2018

SELEZIONI AREA TUTTEPAZZEPERIBIJOUX SETTEMBRE 2018 HOMI

Al via le nuove selezioni per una nuova edizione, la Quinta di quella che voleva diventare ed è diventata l’area della ricerca e dell’anticipo tendenze nel gioiello e bijou.

AREA TUTTEPAZZEPERIBIJOUX 
OFFICINA DI RICERCA DEL GIOIELLO NARRATIVO 
SETTEMBRE 2018

domenica 1 aprile 2018

Di VETRINE DA INCUBO e di KOKEDAMA, 4 ERRORI DA EVITARE

Inaugurare questa nuova rubrica dal nome
NEGOZI DA INCUBO  
è stata un'idea delle mie lettrici.
Inaugurarla nel giorno di Pasqua è un modo divertente per una veloce lettura post prandiale.

Numerose sono le e-mail che mi arrivano per chiedere consigli di stile e consigli sui gioielli da scegliere e indossare per questa o quella occasione, ma ultimamente sono sempre di piu le e-mail di rivenditori o negozianti che mi chiedono consiglio su come valorizzare le vetrine.

Forse accade anche grazie al mio lavoro di art director sempre più visibile attraverso i  social e attraverso le mie consulenze, ultimamente è piaciuto moltissimo  l'allestimento che ho voluto a
Homi nella mia area Tuttepazzeperibijoux Officina di ricerca del gioiello narrativo ed è  scoppiata la KOKEDAMA mania 
KOKEDAMA ALERT 



I kokedama danzavano  leggiadri tra uno stand ed un altro nell'area Tuttepazzeperibijoux a Homi Milano, i bonsai volanti della tradizione giapponese sono stati  scelti da me e realizzati da Flo ra  Piacenza e hanno affascinato tanti visitatori, ho pensato di utilizzarli per l'allestimento della vetrina primaverile di Ginevra Concept di cui sono art director  sin dalla sua apertura ( ormai due anni).
Ne ho curato l'immagine, il restyling, la scelta dei brand e l'arredamento.

Sono tanti i miei followers che hanno voluto ornare le loro vetrine con i kokedama,  ecco quando si parla del ruolo di INFLUENCER,  ( e non di quelli che comprano pacchetti di fan  per manciate di euro, quelli non producono engagement ricordatevelo)
Influencer è termine che non amo, ma di fatto  il mercato  lo influenziamo con le nostre scelte e  i nostri comportamenti, pertanto lo sentiremo ancora, anche se io  preferisco pensare  che diventiamo modelli da seguire, consiglieri, consulenti da ascoltare.
Ma  arriviamo ora ai consigli per non sbagliare.

Volete mettere kokedama nelle vostre vetrine?

1 Fatelo con garbo, misura, grazia e armonia, non esagerate, il troppo stroppia ovunque, soprattutto in una gioielleria o concept store...

2 Evitate l'effetto wedding planner, è una vetrina non un ricevimento di nozze.

3 non mischiate mai kokedama a fiocchi fioccchetti e fiocchettini, vasi, e oggetti ornamentali, e soprattutto non commettete l'errore di esagerare con altri elementi, i kokedama sono già abbastanza appariscenti, i gioielli devono essere  i protagonisti della vostra vetrina e i kokedama il complemento, non il contrario, evitate di essere scambiati per un  negozio  di fiori, di vasi o di oggettistica per la casa.

4 Ricordate: armonia e leggerezza, contestualizzate e armonizzate 

Ricordo ancora con orrore una mia  direzione creativa, quel giorno di cinque  anni fa mi dirigevo verso il giusto indirizzo strizzando gli occhi perché  accecata dalle luci della vetrina e all'interno della gioielleria.

In un primo momento  pensai di aver sbagliato numero civico,  quello pareva  proprio un negozio di luci, poi di vasi, e una volta arrivata alla porta pareva un bazar invece di una gioielleria, non vi dico cosa  trovai... ma ve lo racconterò presto nel prossimo post della rubrica NEGOZI DA INCUBO.

Ordine, disciplina, obiettivi, priorità, chiarezza, misura, armonia.
Queste le parole chiave per una buona riuscita.
Alla prossima storia!






                      




tutti i diritti riservati
Tuttepazzeperibijoux
©copyright 2018

sabato 31 marzo 2018

Gioielli e ricami, I bonsai, il Giappone e il tema anticipo tendenze in Area Tuttepazzeperibijoux del 2017


E' CON QUESTO FOCUS SULLE NUOVE TENDENZE CHE VI HO PREANNUNCIATO MESI FA  CHE VI AUGURO BUONA PASQUA!

E SE TROVATE GIOIELLI E BIJOUX  SPECIALI NELLE VOSTRE UOVA PASQUALI SCRIVETEMI!
----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

In piu di un'occasione vi ho parlato del mio lavoro di ricerca e di quanto sia ingrato talvolta.
Per un cool hunter arrivare con  largo (troppo)  anticipo  a identificare una nuova tendenza non è sempre buona cosa, perché ? Perché  molti hanno la memoria corta.

Si corre il rischio di risultare sempre fuori moda, sì mi rendo conto del paradosso di questa affermazione, ma cercherò di spiegarlo con parole semplici:  hai pubblicato una tendenza, ti  stai già occupando della prossima, e quindi,  mentre scrivi di altro, la moda vuole  e celebra ciò che hai pubblicato mesi e mesi prima... il risultato?  Per te cool hunter è roba vecchia e non te ne occupi più, ma la gente vuole quello... quello che per te cool hunter è già vecchio.

venerdì 16 marzo 2018

Essere informati e conoscere il mercato della gioielleria è un dovere per i professionisti

Correva il 2015, e Alison Lou usciva con la sua collezione.


La bellissima collezione iconica di Alison Lou fine jewelry è uscita nel 2015.
( quasi 4 anni fa).
Vedi post nell’archivio blog di Tuttepazzeperibijoux.
( dicembre 2015)
In Italia sono in pochi a conoscere questo brand newyorchese che invece è superpopolare negli States ed e uno dei preferiti delle star e del jet set, come ad esempio Rihanna.
Vi dice qualcosa ?
Se volete essere sempre informati su chi ha fatto prima cosa leggete Tuttepazzeperibijoux 
Perché Tuttepazzeperibijoux è il blog per  essere informati sulle nuove tendenze e panorama delle gioielleria internazionale, allargando gli orizzonti e guidarvi in acquisti consapevoli, e quando vi troverete di fronte il brand che vi propone la sua esclusivissima e fighissima nuovissima e innovativa collezione... almeno saprete cosa state per acquistare e rivendere ai vostri clienti.
Wake up ⭐️⭐️
Www.alisonlou.com

Tutti i diritti riservati 
Tuttepazzeperibijoux 
Copyright 2018
Photocredits Alison Lou 

lunedì 12 marzo 2018

Retrouvai








Retrouvai

Dalla passione di una collezionista  canadese di nome Kirsty  al lancio di una linea di luxury jewelry di nicchia, il passo è breve.

Per noi italiani  forse è piu semplice capire il significato di questa parola.

Retrouvai è un brand nato da una  filosofia particolare:
dentro ad  ogni jewelry box di una donna si celano milioni di storie e con esse milioni di gioielli particolari.

Ricordi, gioielli di famiglia, gioielli che raccontano emozioni e storie.

Retrouvai  è una linea di gioielli in oro 14 carati realizzata in America, ripercorre un pezzo di storia di famiglia di ognuno di noi, con suggestioni legate ai signed ring, ai ciondoli art deco o di ispirazione vittoriana, ad ognuno il suo.

Realizzati a mano a Los Angeles.


visita il sito
www.retrouvai.com


From the passion of a Canadian collector named Kirsty to the launch of a niche luxury jewelry line, the pace is short.


Retrouvai is a brand born from a particular philosophy:
inside every woman's jewelry box, millions of stories are hidden, and with them millions of particular jewels.

Memories, family jewels, jewels that tell emotions and stories.

Retrouvai is a line of 14 carat gold jewelry made in America, traces a piece of family history of each of us, with suggestions related to the signed ring, the art deco pendants or Victorian inspiration, to each his own.

Handmade in Los Angeles.

tutti i diritti riservati
tuttepazzeperibijoux
©copyright 2018
photocredits Retrouvai




Parigi Fashion Week 2018



 









 
 





Il mese di marzo a  me pare sempre gennaio, un po' per le condizioni atmosferiche e un po' perché sembra ieri che ho pubblicato il recap del 2017.

Anche questa Paris Fashion Week è archiviata e io vi racconto quelli che sono stati 6 giorni  nella mia città del cuore, quella dove mi sento a casa, un po' per la lingua e un po' perché Parigi è la città che mi regala emozioni e riesco a perdonarle anche la pioggia, la neve, il vento che non mancano mai.

In queste giornate ho visitato le fiere Premiere Classe e Tranoï, sapete che la sincerità mi contraddistingue, pertanto non posso nascondervi la mia amarezza e la mia delusione nel constatare  poca gente, poco di interessante nel settore della gioielleria e del bijou. ( si bijou,  usato al singolare non vuole la x finale, sono l'unica  a scriverlo così  ma non per questo mi sbaglio, si sbagliano gli altri).


Qualcosa di interessante a Tranoï, un paio a Premiere Classe  per quanto riguarda gli accessori, borse e sciarpe, ma per quanto riguarda il settore gioiello nulla di paragonabile agli anni d'oro quegli anni in cui le scoperte erano davvero tante.

Oggi mi ritrovo a fare la vera ricerca negli show room parigini, solo su private invitation ( quindi non si accede con regolare biglietto), sono due in particolare quelli più interessanti, ma non me ne vorrete se non ve li svelo.

Ho incontrato Alina Abegg luxury jewelry di cui parlerò prossimamente, un incontro in corsa tra Angelina e Le Meurice,  mi ha tra le altre cose consegnato il mio amato Alien ring a cui ha fatto una piccola modifica.


Ho fatto visita a Catherine Lèvy alias Dorette Jewels  nel suo laboratorio del Marais, abbiamo chiacchierato del suo recente viaggio in India e ho fotografato gli  ultimi pezzi per voi.

Ho incontrato  come ormai accade ogni anno a Parigi, Katia Samson di Sharing Jewelry che mi ha presentato i nuovi collier con i piccoli elementi in oro 18 carati realizzati a Jaipur.


E ancora, puces, viaggio tra i ricami, pizzi e merletti di una volta, scoperte di pezzi di design d'autore, oggetti interessanti e d'altri tempi.

L'hotel nel Marais mi ha permesso di vivere a pieno uno dei miei quartieri preferiti e che avevo tradito in virtù di Saint Germain dove ho avuto il mio quartier generale negli ultimi due anni, di giorno a caccia di indirizzi nuovi e la sera stanchissime ma sempre molto curiose di provare nuovi ristoranti segnalati o quelli del cuore in cui tornare.


Non perdetevi i prossimi post sul blog, perché uno dopo l'altro vi porterò nei laboratori che ho visitato e allora si che mi divertirò, raccontandovi  le storie dei creatori.