lunedì 16 maggio 2016

Jewelry blogger chi?



Ho la fortuna di fare un lavoro che amo alla follia, un lavoro che non ha  ancora un nome, perché in divenire e perché molteplici sono gli aspetti di cui mi occupo.
Ho aperto il mio diario virtuale,  con l'intenzione di condividere la mia passione per i gioielli e i bijoux  e per raccontare storie di creatori, di passione, di amore e talvolta  di sacrificio.



Il successo del blog mi ha  colto di sorpresa,  non credevo fossimo veramente Tuttepazzeperibijoux.

Non sono capace di fare le cose senza anima e senza  passione.
Senza emozione e senza passione non siamo niente, e io ho deciso di aprire il mio blog con l'intento di  comunicare qualcosa che non c'era,  ho applicato un modo di fare blog che era quello che io cercavo da utente, da lettrice; non sono una giornalista e desidero fare qualcosa di diverso dalla semplice  informazione,  desidero dare un taglio personale al mio blog, che è il mio diario virtuale, desidero scegliere, selezionare e ancora scegliere, fare ricerca e proporre marchi e nuovi trends in divenire,  metto nelle vetrine dei concept e delle gioiellerie i desideri ancora inespressi della clientela, anticipo i fenomeni prima che diventino tali.

In questi  4 anni sono stata chiamata a sfide che non avrei mai immaginato,  ipotizzato, sfide bellissime, difficili,  impegnative, ma che mi hanno dato tanto sotto il profilo umano e professionale.

Da più di due anni seguo la comunicazione di un grande brand produttore di gioielli, che ha creduto in me e che mi ha dato la possibilità di demoltiplicare la sua filosofia aziendale, i valori in cui crede, che sono gli stessi valori in cui credo io.

Ci siamo scelti, apprezzati, abbiamo avuto fiducia l'uno verso l'altra e di questo gli saro' sempre grata, mi ha insegnato a crescere e a rafforzare la certezza che un lavoro fatto con amore e passione non potrà mai essere svolto  bene come un  qualsiasi lavoro fatto con lo stesso impegno ma senza  passione.
Perché la passione arriva dritta al cuore, la mia, la loro,  ed io ora ci credo più che mai.

E i miei lettori si fidano di me, perché hanno imparato a conoscermi, sanno che non potrei mai promuovere un marchio in cui non credo, un marchio del quale io non riconosca il valore della ricerca, della buona realizzazione, dello studio stilistico, non potrò mai pubblicare un marchio che non mi rappresenta. Non dico che sia giusto, dico solo che io ho deciso di essere credibile e continuare a fare blog nel solo modo che concepisco.

Ho detto no ad agenzie che volevano impormi le loro pubblicazioni e i loro clienti, si certo,  adesso forse  sarei ricca, ma è altrettanto vero che  probabilmente avrei già chiuso il blog, perché prima o dopo  si smette di essere credibili...o forse no, questa è solo la mia opinione.

Questo  è uno dei motivi che portano  il pubblico a rivolgersi al blog di riferimento prima di fare un acquisto, perché, come emerso da numerose ricerche di Università, come ad esempio Bocconi e Polimi di Milano, il lettore ha perso la fiducia in una certa pubblicità   e si fida del web, cerca in rete e trova quel che gli serve, in una nicchia sempre più specifica.

In questi  4 anni e mezzo di blog ho avuto due sole esperienze  che non meritano nemmeno di essere ricordate, anche se mi hanno insegnato tanto, ma non a diventare come i protagonisti di tanto squallore.
Per questo continuerò a lasciare l'odio a chi non ce la fa ad  amare e continuerò a proporvi ciò in cui credo.

La ricerca e la selezione sono ciò che interessa al pubblico, un pubblico sempre più esigente ed informato, un pubblico che è stanco delle " markette" dei giornali.
( avviso ai lettori, non è una parolaccia, ma termine usato nel settore).

Devo ringraziare i clienti che mi hanno cercata  e voluta a tutti i costi,  che hanno creduto in me, che mi hanno proposto  nuove sfide  difficili, a me sconosciute,  che inizialmente  non volevo accettare, un po' perché non  sapevo se sarei stata in grado di superarle, un po' perché non sapevo se sarei stata seguita senza riserve, perché quando si decide di lanciare un brand emergente, bisogna  seguire strategie  e fare le cose con metodo ed estremo rigore.

E si sa, la vita a volte ti sorride, a volte no, le questioni personali influiscono non poco sui nostri umori, talvolta la vita pubblica è alquanto scomoda, bisogna sempre essere sorridenti e professionali, lasciando a casa i problemi dei figli preadolescenti o l'esito degli ultimi esami che non arriva.

Ed è così per tutti,  i problemi non risparmiano nessuno, nemmeno i designer con i quali mi sono relazionata in questi ultimi anni,  con qualcuno  di loro, la quotidianità  ci ha portato a condividere gioie e dolori di un lavoro che  per un creatore, è particolarmente delicato, perché le emozioni influiscono sempre, sia in  modo positivo che negativo.

Sono felice di aver fatto tutto il possibile per incitarne il talento, per promuoverlo, per non lasciarlo  buttare via quando la crisi  personale  ha coinvolto qualcuno di questi.

Sono grata alla vita per tutto quello che mi ha dato, anche per il dolore che mi ha resa quella che sono,  grata  per il prima e il dopo che hanno segnato una   linea  netta di demarcazione tra due epoche della mia vita così differenti.
Tranquille, non vi sto annunciando l'uscita de I miei primi 40 anni,  ma ho sempre amato scrivere, e oltre a volervi raccontare storie di bijoux e di creatori, credo di volere ora raccontare la mia  di storia, chissà se qualcuno la leggerebbe?










Nessun commento:

Posta un commento

grazie per avermi lasciato un commento, risponderò ad ogni vostra domanda e curiosità, se cercate un gioiello particolare scrivetemi.

***PROTEGGIAMO I TUOI DATI PERSONALI***
In questo blog permettiamo l'inserimento di commenti anonimi: potrai sempre scegliere di utilizzare il servizio senza necessariamente inserire i tuoi dati personali. Qualora scegliessi di qualificarti, ti raccomandiamo di leggere attentamente le nostre Privacy Policy e Cookie Policy che trovi in fondo a questa pagina: conserveremo i tuoi dati per un periodo massimo di 1 anno dall'inserimento dell'ultimo commento. Ti ricordiamo che in qualsiasi momento puoi esercitare il tuo diritto all'oblio (per maggiori informazioni leggi la Privacy Policy).
Questo servizio è riservato ai maggiorenni.