lunedì 15 aprile 2019

I 5 Jewelry Brand più copiati dagli italiani

E sì, che la crisi imperversi già da qualche annetto è cosa nota, ma a mio avviso più che di crisi economica bisogna parlare di crisi di idee, di originalità, di competenze, di talento e di voglia di mettersi in gioco.

Pare sia molto più comodo il vecchio detto:
"L'erba del vicino è sempre più verde" e se verde sta per dollaro e denaro, è presto fatta, qui, più che di sbattersi per attingere ad un talento che forse mai è esistito si attinge al brand che ha venduto di più.

La classifica è presto fatta...

chi sono i jewelry brand più copiati?


1 Alison Lou

E' la jewel designer americana  più copiata anche in Italia,  piace tanto alle celebrities d'oltreoceano dove è famosissima, e poverina,  è vittima di plagio da tempo, le hanno clonato persino la  campagna pubblicitaria con tanto di modella di colore e tutte le collezioni dal 2016 ad oggi, le coincidenze infatti non esistono e perseverare  ne è la prova, ma finché questi brand riescono a prendere in giro i clienti e ad essere sulla cresta dell'onda significa  che sbaglio tutto io. ( e morirò sbagliando tutto forse, ma preferisco così).

Alison Lou, la più danneggiata poiché plagiata da aziende che ora hanno creato una  fortuna grazie ad Alison e al suo design 





2 Carolina Bucci 

Per parlare del Forte Bead Bracelet di Carolina Bucci, devo fare un discorso un po' piu lungo e articolato.

Sappiamo tutti molto bene che i braccialetti colorati in plastica sono sempre esistiti, compresi i sweetie bracelets che da bambini abbiamo sicuramente tutti fatto all'asilo o con le amiche e portato al polso o come collana... bene, Carolina Bucci sì, a quelli si è ispirata quando ha deciso di investire in un progetto molto ambizioso, e cioè, far tagliare  le pietre dure a rondelle proprio su quel modello specifico, nasce così circa un annetto fa il Forte Bead Bracelet, che io ho voluto subito ordinare... si prima di Leandra visto che qualcuno mi ha fatto notare la coincidenza, ma la cronologia instagram parla chiaro...

 Da allora / e non prima,  molti altri hanno avuto l'idea di proporre collezioni con rondelle di vetro o plastica colorata sulla base dello stesso modello di CB.

Per questo io dico che una cosa è l'ispirazione, ben altro è la copia.

Da sempre si è ispirati e suggestionati da ciò che ci circonda, ma diverso è copiare, e quando oltre  a copiare l'idea del brand si  copia  anche il packaging diventa  ancora più dura gridare alla coincidenza..


Carolina Bucci, l'idea geniale di far tagliare la pietra come rondelle di plastica




3 Sacramore Firenze
L'artigianalità orafa di Alessio Tubbini ancora una volta fa capolino quando vediamo tentativi di plagio e copie del suo gioiello handmade gotico rock, anche qui bisogna porre l'accento sullo stile e non per esempio sul soggetto copiato, ad esempio il cuore ex voto, che si sa, non è stato inventato dall'azienda fiorentina ma esiste da sempre, gli va riconosciuto il merito di aver ispirato tante aziende con il suo stile unico e originale.


Sacramore Firenze, scuola orafa fiorentina e tanti che cercano la copia perfetta





4 Gigi Clozeau, chi non conosce i minuscoli rosari con minuscole pietrine in resina colorate, fluo, pastello di Gigi Clozeau? E le sue medagliette smaltate con i soggetti come cactus, fenicottero e fiori? ah si pensavate li avesse realizzati quell'azienda del centro sud che avete in negozio? be vi sbagliate, perche Gigi li produce da almeno  10 anni

Gigi Clozeau, machilohafatto uguale o Malefatto? ^_^



5 Pascale Monvoisin

Non credo ci sia bisogno di alcun commento, poiché credo che saprete tutti molto bene a quale genere mi riferisco.
La designer francese che si contende la palma d'oro con un'altra designer  latino americana,  ma è lei ad aggiudicarsi il primato, lanciando un trend molto popolare, inutile negarlo. Molto ben recepito da decine e decine di aziende a livello internazionale, anche qui in Italia abbiamo  i nostri casi denoantri.
l'iconico bracciale di Pscale Monvoisin oggi riproposto da tantissimi brand,e anche in Italia abbiamo i nostri bravi emulatori.



Concludo con una frase che rappresenta molto bene il mio pensiero e  che deve far capire che sono ben consapevole del fatto che difficilmente qualcuno inventa qualcosa,  e che tutto torna, nulla si crea ma tutto si trasforma..
ma un conto è ispirarsi, diversa cosa  è copiare e io purtroppo sono a sostegno di chi ha l'idea e la porta avanti,  di chi ha il talento.


Diceva ch'egli non aveva imitato nessuno, ma preso da tutti e poi fatto una maniera a suo genio poiché  chi imiterà un altro sarà sempre il secondo.
Che, purchè vi sia il naturale dentro, ognuno è padrone della sua maniera.

(Carlo Cesare Malvasia, appunti per la Felsina pittrice 1678)







E' normale, è giusto ispirarsi e dire qualcosa  alla propria maniera e con talento...
se c'è,  Tuttepazzeperibijoux supporta il talento.



tutti i diritti riservati
Tuttepazzeperibijoux
©copyright 2019












Nessun commento:

Posta un commento

grazie per avermi lasciato un commento, risponderò ad ogni vostra domanda e curiosità, se cercate un gioiello particolare scrivetemi.

***PROTEGGIAMO I TUOI DATI PERSONALI***
In questo blog permettiamo l'inserimento di commenti anonimi: potrai sempre scegliere di utilizzare il servizio senza necessariamente inserire i tuoi dati personali. Qualora scegliessi di qualificarti, ti raccomandiamo di leggere attentamente le nostre Privacy Policy e Cookie Policy che trovi in fondo a questa pagina: conserveremo i tuoi dati per un periodo massimo di 1 anno dall'inserimento dell'ultimo commento. Ti ricordiamo che in qualsiasi momento puoi esercitare il tuo diritto all'oblio (per maggiori informazioni leggi la Privacy Policy).
Questo servizio è riservato ai maggiorenni.